martedì 2 aprile 2013

Calcolo pensione contributiva, gli step da seguire



Calcolo pensione con il sistema contributivo grazie all'entrata in vigore della riforma Fornero

 


 
Calcolo pensione contributiva Inps con nuove regole per effetto della riforma previdenziale del ministro Fornero, attuata con il decreto salva Italia, il decreto legge n. 201/11 convertito in legge n. 214 del 2011.

Riforma pensioni Fornero

La riforma pensione Fornero ha previsto l’introduzione dal  2012  di importanti novità in merito alle lavoratrici e ai lavoratori  dipendenti del settore privato e le lavoratrici e i lavoratori autonomi. Se da una parte sopravvivono solo la pensione di vecchiaia e quella anticipata ( si veda il nostro articolo Pensione di vecchiaia più lontana dal 2013), dall’altra parte ulteriori novità sono per il calcolo della pensione.

Calcolo pensione Inps

Per il calcolo pensione Inps si fa riferimento alle anzianità contributive maturate dal 1° gennaio 2012 che vengono calcolate per tutti i lavoratori e le lavoratrici con il sistema di calcolo contributivo. Il sistema contributivo è un sistema di calcolo della pensione che si basa su tutti i contributi versati durante l’intera vita assicurativa. 

 Calcolo pensione contributiva

 In passato vi era il calcolo retributivo, che si basava sulla media delle retribuzioni percepite negli ultimi anni di vita lavorativa. Ora con la riforma pensioni Fornero vi è il sistema contributivo. In particolare per il calcolo della pensione contributiva si devono eseguire precisi step come:
  •  
  • individuare la retribuzione annua dei lavoratori dipendenti o i redditi conseguiti dai lavoratori autonomi o parasubordinati;
  • calcolare i contributi di ogni anno sulla base dell’aliquota di computo (33% per i dipendenti; 20% per gli autonomi; vigente anno per anno per gli iscritti alla gestione separata);
  • determinare il montante individuale che si ottiene sommando i contributi di ciascun anno opportunamente rivalutati sulla base del tasso annuo di capitalizzazione derivante dalla variazione media quinquennale del PIL (prodotto interno lordo) determinata dall’Istat;
  • applicare al montante contributivo il coefficiente di trasformazione, che varia in funzione dell’età del lavoratore, al momento della pensione.
 Nel sistema contributivo, il calcolo pensione viene effettuato moltiplicando il cd montante contributivo individuale per il coefficiente di trasformazione relativo all’età del lavoratore alla data di decorrenza della pensione. Il montante contributivo si sottolinea che rappresenta il capitale che il lavoratore ha accumulato nel corso degli anni lavorativi.



Link: http://www.investireoggi.it/fisco/calcolo-pensione-contributiva-gli-step-da-seguire/#ixzz2PFhwXSZF

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento

PENSIONATI DIRITTI

(Riunisce la voce delle Istituzioni ed il parere di qualificati esperti in tema di PENSIONI)